ORDINE EQUESTRE del SANTO SEPOLCRO di GERUSALEMME
Luogotenenza per l'Italia Centrale


attività della Delegazione Locale di Roma San Giovanni

27 gennaio 2024

Sabato 27 gennaio 2024, il Delegato Daniela Forniti e il Priore padre Pierre Paul hanno accolto, presso l’Oratorio dell’Arciconfraternita di Sant’Ambrogio dei Lombardi, il Delegato di Roma San Matteo e i numerosi Cavalieri, Dame, Aspiranti e Amici che sono intervenuti al primo incontro dell’anno.

La magnifica Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo al Corso, dalle maestose e solenni forme, venne edificata a partire dal 1612, grazie ad una cospicua donazione del cardinale Luigi Omodei di Milano, come punto di riferimento della Confraternita dei Lombardi, molto numerosi in quel periodo a Roma.
Il suo interno ricco di stucchi, marmi ed affreschi è uno degli esempi più caratteristici dello sfarzo del tardo barocco romano. Nel deambulatorio intorno al presbiterio, unico esempio a Roma ed evidente richiamo di quello gotico del Duomo di Milano, è conservata la preziosa reliquia del cuore di San Carlo Borromeo concessa nel 1614 da suo cugino, il cardinale Federico Borromeo, come segno di gratitudine e di benemerenza per l'impegno nella costruzione della suddetta Basilica.
  
Alle ore 10.30, presso il magnifico Oratorio dell’Arciconfraternita di Sant’Ambrogio, è iniziata la prevista conferenza “L'esercizio dell'Autorità Apostolica in materia di Ordini Equestri”.
Il Relatore, il confratello Alfonso Marini Dettina Avvocato della Rota Romana e Avvocato patrocinate in Cassazione, tra i massimi esperti in materia di Ordini cavallereschi, ha dato modo ai presenti di approfondire e conoscere meglio il mondo degli Ordini equestri riconosciuti dalla Santa Sede.
Oltre allo studio storico, è stato interessante ascoltare l'analisi della situazione odierna, in quanto il dilagante fenomeno del sorgere di sedicenti Ordini Cavallereschi ha portato la Santa Sede, non potendo far da garante della loro legittimità storica e giuridica, delle loro finalità e della loro struttura organizzativa e al fine di evitare equivoci, purtroppo possibili a causa dell'indebito uso di documenti pontifici od ecclesiastici, a non riconoscere alcun valore ai diplomi cavallereschi e alle relative insegne da questi rilasciati.
Si è visto infine che gli ordini riconosciuti attualmente sono, oltre all’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, l'Ordine di Malta, l'Ordine Teutonico, nella sua attuale natura di ordine religioso, gli ordini cavallereschi conferiti dagli Stati ed anche quelli che fanno parte del patrimonio araldico sia delle dinastie reali regnanti sia di quelle che non lo sono più.

Alle ore 12.00, presso la Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo, si è celebrata la Santa Messa officiata dal Priore, Padre Pierre Paul.

Prima di recitare tutti insieme la Preghiera del Cavaliere e della Dama, il Delegato ha presentato l’Ordine e le sue finalità ai numerosi fedeli e visitatori presenti nella Basilica. 

Al termine della celebrazione, tutti gli intervenuti si sono recati nel deambulatorio retrostante l’altare maggiore per venerare la preziosa reliquia del cuore di san Carlo Borromeo, l’incomparabile pastore della Chiesa ambrosiana e una delle figure più significative della riforma conciliare post-tridentina.

  Al termine dell’intenso e formativo incontro, ci si è ritrovati tutti presso un vicino ristorante per condividere insieme un momento conviviale vissuto in un clima di gioiosa e fraterna amicizia.  

In occasione della festività di San Giovanni Battista, sabato 24 giugno 2023 si è svolto l’ultimo incontro del primo semestre 2023 della Delegazione Locale Roma San Giovanni.

Numerosi i Cavalieri, le Dame, gli Aspiranti, i Familiari e gli Amici che si sono ritrovati presso la Tenuta Reali, luogo alle porte di Roma, dove pace e tranquillità prendono il sopravvento sulla frenetica vita cittadina. I partecipanti sono stati accolti dal Delegato Daniela Forniti e dal Priore, padre Pierre Paul, in un ambiente familiare e ospitale. La giornata è trascorsa in un clima di fraterna amicizia ed è stata un’occasione importante per poter esporre idee, condividere iniziative e favorire i rapporti interpersonali tra i vari partecipanti. 

L'Agape, che ricorda il convito fraterno presso gli antichi cristiani, è espressione di comunione, amicizia, affinità, il prendersi cura gli uni degli altri. Ed è proprio con questo sentimento che Cavalieri, Dame e Aspiranti hanno condiviso la mensa, preparata grazie all’apporto di pietanze e bevande che ognuno ha generosamente voluto condividere con i propri confratelli e amici.

Intensi ed emozionanti i momenti di meditazione e preghiera arricchiti dalla presenza di don Roberto Leoni, rettore del vicino santuario di Santa Maria in Celsano, Madre della Consolazione.
Nel pomeriggio, è stata celebrata la Santa Messa dedicata alla Natività di San Giovanni Battista, precursore del Signore, officiata dal nostro Priore. Al termine della celebrazione eucaristica il Preside della Sezione Roma, Cav. Gr, Cr. Prof. Lorenzo de Notaristefani, ha ricordato ai presenti i prossimi impegni e iniziative programmate per il secondo semestre del corrente anno. La celebrazione, con il cuore e il pensiero rivolti verso i nostri fratelli di Terra Santa e a tutti coloro che stanno vivendo momenti di timore, di tensione e di sofferenza, si è conclusa con la recita della “Preghiera del Cavaliere e della Dama”.